Home
News
Tabellini
CU Società
Rose 22/23
Schedilettantina
Comunicati
Utente Anonimo
LOGIN
Registrati
Società
Elenco Società
Comunicati Società
Programma Gare
Tabellini Partite
Comunicati FIGC
Calciomercato
Svincolati
Campionati
SERIE D
ECCELLENZA
PROMOZIONE
PRIMA CATEGORIA
SECONDA CATEGORIA
TERZA CATEGORIA
JUNIORES
ALLIEVI
GIOVANISSIMI
Coppe
C. ITALIA "M. MINETTI"
C. EMILIA ROM. I CAT.
C. EMILIA ROM. II CAT.
TORNEO DEI PRESIDENTI
Marcatori
Fossil Cup
Conad Cup
Archivio Storico
Torneo della Montagna
I CR
Forum
Collabora con noi
I risultati sul tuo sito!
Area Riservata
Visite
Siti Amici
Mondo CR
Schedilettantina
Oscar del Calcio
Speciale Stadi
Fantacalcio
Il Resto del Mondo
Figli di un calcio minore
NEWS - VENTOTTESIMA PUNTATA
<< Torna indietro
ALTRE NEWS
VENTOTTESIMA PUNTATA

…il punto sui campionati meno conosciuti ovvero basta che ci siano 22 uomini che calciano una palla…a cura di Daniele Mercati
Il Resto del mondo - 10/06/2010

La rubrica imperdibile per tutti gli appassionati di calcio internazionale, in poche righe tutte le risposte che cercate sui campionati più disparati e dalla scorsa settimana si parla anche dei bomber di razza!





BIELORUSSIA
Il 3 Aprile ha preso il via il campionato bielorusso giunto alla sua ventesima edizione, riformatosi dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica. Continua a cambiare la formula che addirittura ha visto nel giro di due anni diminuire le squadre della massima serie da 16 a 12, quindi quest’anno il torneo si articolerà in un’andata, un ritorno e un terzo girone per un totale di 33 giornate. Da qualche anno la squadra da battere è il BATE Borisov, l’anno scorso ha vinto il quarto titolo consecutivo e tanto per cambiare anche quest’anno la musica sembra essere la stessa. Si sono giocate finora 13 giornate e il vantaggio accumulato sulla seconda in classifica è già di 5 punti anche se 12 mesi fa allo stesso punto il margine era di ben 12 punti! I capoclassifica sono ancora imbattuti ed hanno già colto importanti vittorie in casa delle dirette inseguitrici, l’eterna rivale Dinamo Minsk e il sorprendente Belshina neopromosso, ma il dato più sorprendente è quello delle reti subite: in 13 partite neanche un gol incassato, i 4 pareggi colti finora sono frutto di 4 0-0, 3 in trasferta e uno in casa, difficile pensare che lo scudetto a fine anno lo festeggi qualcun altro. Lo stesso BATE Borisov sarà la squadra che rappresenterà la Bielorussia nella prossima Champions League, mentre in Europa League troveremo la Dinamo Minsk, il Dnepr Mogilev e la Torpedo Zhodino finalista sconfitta (dal solito BATE Borisov) di Coppa di Bielorussia dell’anno scorso.

FRANCIA
Oltralpe abbiamo già celebrato le vincenti di tutte le competizioni nella puntata n. 24, ma quando alla fine mancava una giornata c’erano ancora degli enigmi importantissimi da sciogliere, primo fra tutti l’identità della squadra che assieme al Marsiglia avrebbe colto la qualificazione diretta ai gironi di Champions League. L’ha gettata alle ortiche il Lille che non ha saputo far fruttare quel punto di vantaggio che a 90 minuti dal termine vale oro, uscendo sconfitto dalla trasferta di Lorient (team appagato che non aveva più niente da chiedere all’annata) e vedendosi sorpassato in un colpo solo dalle due inseguitrici che l’occasione non se la sono fatta sfuggire: il Lione e l’Auxerre. Il Lione ha fatto suo il match con il Le Mans abbastanza agevolmente e conquista un secondo posto a lungo insperato durante l’anno andando a riscattare una stagione iniziata in sordina ma finita in crescendo. La terza piazza invece va all’Auxerre che conquista i due punti che gli servivano per il sorpasso negli ultimi secondi di gara vincendo 2-1 in casa del Sochaux coronando un campionato vissuto come una delle più grandi sorprese in positivo e andandosi a giocare i preliminari della massima competizione europea. Per il Lille quindi con grande amarezza rimane solo il contentino dell’Europa League, non tanto perché la Coppa non sia affascinante, ma perché il traguardo della Champions è apparso reale fino a pochi minuti dalla fine. Oltre al Paris Saint Germain, che ha vinto la sua ottava Coppa di Francia succedendo al Guingamp, va in Europa League anche l’altra grandissima sorpresa del 2009/2010, il Montpellier neopromosso capace per lunghi tratti di spaventare le squadre più blasonate e di insidiare addirittura la prima posizione quindi l’obiettivo della qualificazione europea ad un certo punto è apparsa il minimo. Salutano la Ligue 1 e retrocedono mestamente con diversi punti di distacco il Grenoble, il Boulogne e il Le Mans.

SPAGNA
Oltre ai tanti campionati appena conclusi e ad alcuni che sono cominciati da poco ce n’è uno che deve ancora terminare, parliamo della Seconda Divisione spagnola da dove usciranno le tre formazioni che l’anno venturo affronteranno Messi e Cristiano Ronaldo nella mitica Liga. Mancano solo due giornate al termine delle 42 totali e qualcosa di definitivo sembra venire fuori. Di sicuro possiamo dire che soprattutto nel girone di ritorno è regnato l’equilibrio, sarebbe bastato un piccolo filotto di vittorie da parte dei team di testa per staccare le altre ma questo non è mai successo. Se pensiamo che chi guida la graduatoria, la Real Sociedad, è riuscita ad inanellare due vittorie consecutive proprio lo scorso weekend quando non vi riusciva da metà Gennaio, la spiegazione della nostra riflessione è servita. Proprio la compagine di San Sebastian però tra bene e male è riuscita a gestire il vantaggio messo da parte nella prima parte di stagione e così ora ha un margine di 6 punti che gli permette di staccare il biglietto per la promozione conquistando solo un punto nelle prossime due gare. Rimangono da assegnare dunque gli altri due posti disponibili che ora come ora andrebbero a Levante e Betis Siviglia, le due squadre più in forma del momento, ma bisogna stare molto attenti perché il vantaggio è minimo e fra due settimane il calendario mette in scena proprio lo scontro diretto, potrebbe sì diventare una festa per entrambe, ma potrebbe più verosimilmente assumere i connotati di uno spareggio. Sempre che le inseguitrici più prossime facciano il loro dovere nel prossimo turno, stiamo parlando di Hercules e Cartagena impegnate tutt’e due in un incontro facile salvo poi avere l’ultimo scontro con squadre invischiate nella lotta per non retrocedere. Parte bassa della classifica altrettanto infuocata con 4 squadre a pari merito, a parte il già retrocesso Castellon, e almeno altre quattro per nulla tranquille, finale thrilling tutto da seguire, nel prossimo appuntamento daremo tutti i ragguagli.

FINLANDIA
Ci inoltriamo nelle sperdute terre del nordeuropea per scoprire cosa sta succedendo nel campionato finlandese 2010 giunto all’ottava giornata (sulle 26 totali). Negli ultimi anni da queste parti si è avuta una certa alternanza di risultati essendoci state 5 squadre diverse a trionfare nelle ultime 6 edizioni. Anche in questo primo scorcio di torneo si fa fatica a trovare una seria candidata alla vittoria finale anche se va detto che in testa alla classifica si trova l’HJK Helsinki campione in carica nonché squadra più titolata di tutto il paese; non ha un ruolino di marcia devastante ma intanto ha 3 punti di vantaggio sulle inseguitrici più vicine. Più preoccupante è la situazione del club che ha trionfato due anni fa, l’Inter Turku che ha conquistato il quinto posto l’anno passato per ora naviga nei bassifondi ed è già incappata in 4 sconfitte. Una nota di merito va ai neopromossi dell’AC Oulu che con 11 punti sono stabili a metà classifica, è presto per fare proclami ma comunque un ottimo inizio. Servirà un po’ di tempo per capire se ancora una volta il titolo passerà di mano o se qualcuno riuscirà a riconfermarsi, ma nel frattempo come di consueto è già stata assegnata la Coppa di Lega, torneo che si svolge da Gennaio ad Aprile prima dell’inizio del campionato, che non dà diritto di partecipazione a nessuna coppa europea. L’ha vinta per la prima volta dalla sua istituzione l’Honka, battendo in finale il JJK ai calci di rigore, anche qui è dal 2005 che il trofeo passa tra mani diverse.

BELGIO
Il titolo è stato assegnato diverse settimane fa, ma torniamo in Belgio per vedere quali verdetti ha restituito la coda del campionato escogitata quest’anno a dire il vero abbastanza complicata, a beneficio di chi ci ha capito poco tra gironi e spareggi a ripetizione. Le prime 6 classificate alla fine della stagione regolare hanno disputato un girone all’italiana con andata e ritorno partendo da una classifica che assegnava ai team la metà dei punti totalizzata fino a quel punto arrotondata per eccesso. Fuori portata per tutti il primo posto che è valso il titolo all’Anderlecht di cui abbiamo già parlato nella puntata n. 21 l’obiettivo numero 1 era il secondo posto che valeva l’accesso ai preliminari di Champions League: il Bruges doveva difendere un vantaggio di 4 punti ma ha disputato un pessimo girone trovando addirittura 3 sconfitte consecutive e i 3 punti che aveva ancora di margine alla vigilia dell’ultima giornata non sono bastati perché proprio l’ultimo turno si è trasformato in una sorta di spareggio e il Gent ha sfruttato a pieno il fattore campo affossando gli avversari con un perentorio 6-2. Dunque il Gent di Michel Preud’homme compie un’impresa conquistando la qualificazione Champions e non contento, alza anche la Coppa di Belgio vincendo 3-0 la finale secca contro il Cercle Bruges in pratica trattando allo stesso modo le due squadre della città che si devono accontentare entrambe dell’Europa League (il Cercle Bruges in qualità di finalista di Coppa di Belgio). L’ultimo posto per la Coppa europea minore è stato assegnato attraverso due spareggi, il primo metteva di fronte le prime due classificate dei gironi da 4 (dove erano state inserite le squadre giunte dal 7° al 14° posto del campionato), e il secondo la vincente del primo spareggio contro la 4’ classificata del girone delle prime 6. Le due vincitrici dei gironi da 4 sono il Racing Genk, che ha fatto suo il girone B senza faticare più di tanto, e il Westerlo che vince il girone A nell’ultima giornata vincendo lo scontro diretto contro il Mechelen. Uscito vincitore da questo primo spareggio il Racing Genk (2-2 in casa, vince poi 3-0 in trasferta) imbocca dritto dritto la strada per l’Europa facendo fuori anche il Sint-Truiden vincendo sia all’andata che al ritorno.



Rubrica nella Rubrica I RE DEL GOL
Con i suoi gol ha permesso al Panathinaikos di interrompere il dominio dell’Olympiakos che durava da 5 anni. La sua squadra ha vinto il campionato e lui ha vinto il titolo di capocannoniere, si tratta di Djibril Cissè, attaccante francese di origini ivoriane che compirà 29 anni nel prossimo Agosto e che farà parte della spedizione in Sudafrica messa in piedi dal c.t. francese Domenech. Il gol è sempre stato nel DNA del nostro protagonista, fin dai primi anni 2000 quando esplose nell’Auxerre, vincendo due volte la classifica dei bomber della Ligue 1. Nel 2004 passò al Liverpool, ma complice anche un grave infortunio, non trovò in Inghilterra la fortuna sperata così che compì il viaggio a ritroso per accasarsi al Marsiglia dove rinasce e si ferma due stagioni. Dopo un anno in prestito al Sunderland l’estate scorsa si lascia tentare dalle sirene greche del Panathinaikos e la scelta si rivela più che azzeccata visti i risultati sia personali che di squadra. Una stagione da incorniciare quella appena finita, dove ha messo a segno 23 reti in 28 presenze in campionato (ma sono 29 le reti totali), anche se il piatto forte deve ancora arrivare: i Campionati Mondiali stanno per cominciare e per lui hanno tutto il sapore della rivincita dato che 4 anni fa era stato convocato, ma dovette rinunciare a causa di un secondo gravissimo infortunio, solo fra un mese sapremo quale apporto sarà riuscito a dare alla causa del suo paese.




Rubrica nella Rubrica TOH, CHI SI RIVEDE
L’avrete sicuramente riconosciuto tutti dalla foto ancora prima di incominciare a leggere queste righe. Alvaro Recoba, 34 anni (nella foto in alto), attaccante uruguaiano acquistato dall’Inter nel 1997, coccolato, aspettato, strapagato dal patron nerazzurro Massimo Moratti come nessuno mai e alla fine possiamo tranquillamente affermare che ha tradito le speranze. “El Chino” ha sempre avuto una classe cristallina e dei colpi incredibili, ma fa parte di quella schiera di giocatori, complici anche i numerevoli infortuni, che il proprio talento non sono mai riusciti ad esprimerlo a pieno. Arrivò in Italia a 21 anni dopo essersi messo in mostra in patria a suon di gol prima nel Danubio e poi nel Nacional, ed è proprio il caso di dire che da noi ha fatto fortuna, più in termini di soldi guadagnati che di trofei vinti o prestazioni sciorinate. Di lui si è letteralmente innamorato, calcisticamente parlando, il presidente dell’Inter, che lo ha trattenuto a suon di contratti milionari senza che lui contraccambiasse con i fatti. A conti fatti nei 10 anni in cui si è fermato nel nostro paese l’esperienza più felice fu quella del prestito al Venezia nell’annata 1998/1999 dove contribuì con i suoi gol alla salvezza dei lagunari. Per il resto una grande alternanza di ottimi periodi ad altri di scarsa vena fino ad arrivare alla sua cessione in Grecia al Panionios non prima di una breve esperienza in prestito al Torino. Anche nella penisola ellenica non lascerà un segno indelebile e così a Dicembre 2009 rientra in Uruguay ritornando nel club che lo aveva lanciato, il Danubio. L’aria di casa per ora sembra giovare al nostro che ha giocato con continuità ed ha messo a segno 5 reti nelle 13 partite disputate, tutta l’Italia, ma soprattutto i tifosi interisti gli augurano le migliori fortune.

News commentabile da utenti registrati - News commentabile da utenti non registrati

Enry
commento del 10/06/2010 alle 13:09

Grandissimo il Chino...sempre un idolo!!!
RISPONDI






Oggi: 7 partite
Domani: 10 partite
SCARABELLI ANDREA (PRESIDENTE)
CALCIO
Società
Campionati
Coppe
Torneo della Montagna
Comunicati FIGC
Calendario Partite
Archivio Storico
CALCIO E WEB
Comunicati società
Mercato
Tabella Promo-Retro
News
Forum
Figli di Un calcio Minore
91 minuto
Photogallery
MONDO CR
App
Facebook
Stadi
Oscar di calcioreggiano
Schedilettantina
Fantacalcio
Siti Amici
CALCIOREGGIANO
Utenti
Lavora con Noi
Risultati di CR sul tuo sito
Chi Siamo
Contatti
Mappa del Sito
Privacy Policy